Nato a Milano in una fredda Domenica di Gennaio del 1980 e da sempre cedevole al fascino degli effluvi del pianeta Vino ed affini, ho (credo) saggiamente deciso di dare seguito e concretezza al crescente interesse percorrendo gli studi che mi hanno portato a diventare prima sommelier e poi degustatore ufficiale. Titoloni conseguiti presso l'Associazione Italiana Sommeliers, che ringrazierò finchè avrò battito cardiaco per avermi accolto tra le sue fila. L'ho in seguito piantata in asso, ma credo non se ne sia accorta.

Poi a cavallo tra il 2011 e il 2012 ecco l'illuminazione, la svolta e sprezzante del pericolo abbandono una solida attività contadina decidendo di professare come sommelier attraverso SOMMELIER SOCIAL CLUB, da prima zingaro senza un rifugio, poi dal Settembre 2013 all'interno di uno spazio dedicato a Nerviano (MI), avvalendomi di capaci collaboratori e mantenedo, su richiesta, l'originaria impostazione girovaga.

Godo sempre meno nel definirmi sommelier (alla faccia del nome della ditta!), così barocco, come per altri titoli pescati nel bidone dei neologismi anglofoni che cerco o cercano di appiopparmi. Vivo il mio lavoro un attimo fuori da schemi precostituiti. Non amo i codici e le convenzioni, i giudizi delle guide di settore, mi diverto a uscire dai binari, mi piace il confronto con il cliente, il contatto diretto con i produttori, essere bombardato di domande, anche le più balorde. Preferisco jeans e T-shirt a giacca e cravatta. Ogni tanto magari ci scappa una camicia, ma giusto quando sono in vena di vestirmi bene. Come si dice, cerco di essere sempre me stesso, brut nature :D Pare funzionare.

Tra le altre: costruttore famelico di Lego, tifoso (fui curvaiolo) dell'Inter, per cui ho smesso da anni di imbufalirmi pur rimanendone fedele e disilluso sostenitore. Non mi intendo di arte, musica e nuove tecnologie. Non ho hobbies estremi. Non ho girato il mondo con lo zaino in spalla. Non ho conoscenze altolocate. Non ho lauree (giusto un diploma di perito agrario) o master conseguiti nelle più prestigiose università delle città più in della Terra. Non ho mai ricoperto ruoli professionali di prestigio. Si può quindi affermare che ho un curriculum Facebook risibile.

 

Mario Gelfi